Browsing Category

Sport

Arte e cultura Economia e finanza Sport

Sport People Hub – Sport e Arte insieme grazie alla tecnologia NFT

Sport People Hub è un progetto dell’Agenzia Sports Production Hub che unisce ambiziosamente la passione per lo sport con l’emozione dell’arte grazie alla tecnologia innovativa dei “Non Fungibile Token” (NFT).

In Sport People Hub tre artisti digitali italiani hanno creato 9 opere d’arte originali, ciascuno di essi rappresentando con il suo stile 3 atleti, sempre italiani, di al massimo livello.

Il bellissimo risultato, le 9 opere d’arte digitali, sono disponibili dal 22 novembre per l’acquisto sotto forma di NFT sulla piattaforma https://opensea.io/collection/sportpeoplehub

Gli NFT sono disponibili in due diversi prezzi: le bellissime opere d'arte costano l’equivalente di circa 35$, mentre le versioni Premium, che costano l’equivalente di circa  250$ e sono disponibili in numero ridotto, consentono la possibilità di fare un AMA ("Ask Me Anything") con l'atleta rappresentato dall'NFT, cioè un incontro online nel quale poter dialogare direttamente con l’atleta.

Ulteriori informazioni sul progetto possono essere trovate sul sito sportpeoplehub.com.

Gli artisti sono:

Andrea Colacicco in arte Black Elephant AC; classe 1991; è un’artista digitale, si è formato nel mondo del graphic design all’Accademia di Belle Arti di Bologna e si occupa dello sviluppo di mondi 2D e 3D. Il suo concept artistico si dirama attraverso svariate tecniche: grafica, fotografia, video, performance, installazioni e videomapping, filtri e virtual reality.

Davide Gianese, digital artist dal 2015 crea animazioni 3D per diversi media e con diversi obiettvi: eventi sportivi, spettacoli, video clip, esperienze immersive e altro ancora.
In questo progetto ha voluto reinterpretare le attrezzature sportive cercando di far emergere quel legame unico che si crea tra l’atleta e il suo attrezzo.

Truly Design è una crew che si occupa di installazioni artistiche, graphic design, illustrazione e realizzazione di art works in tutto il mondo. Nato nel 2007 ma attvi sulla scena dei graffiti dal 1996, sono uno dei riferimenti italiani della street art.

Gli atleti coinvolti sono invece:

Najla Aqdeir, originaria della Libia, arriva in Italia nel 2005 e, con lei, arriva la sua grande passione per l’atletica leggera. Da allora si prodiga per ottenere massimi risultati sia per sé stessa che per gli altri fondando una personale Associazione Sportiva volta alla diffusione dell’energia scatenata dalla serotonina atletica.

Najla ha deciso di devolvere il ricavato dei suoi NFT alla sua Associazione

Daniel Grassl, giovane ma con così tanti successi, è medaglia d’argento ai campionati europei di pattinaggio di figura del 2022 ed è stato quattro volte consecutive campione italiano. Alle Olimpiadi di Pechino 2022, a soli 19 anni, ha realizzato il record italiano risalendo fino al 7° posto in classifica; pochi giorni fa ha vinto il suo primo Grand Prix, il circuito più prestigioso nell’ambito del pattinaggio di figura: è diventato così il primo azzurro, in ambito maschile, ad essersi mai imposto in questa competizione.

Dorothea Wierer, sinonimo di vittoria, impegno e determinazione è tre volte medaglia olimpica, tre volte campionessa mondiale a livello individuale, due volte vincitrice della Coppa del Mondo di biathlon; è stata la terza atleta di sempre ad aver otteenuto un successo in tutt i sette formati di gara del biathlon.

Questi tre atleti, diversi nei loro sport e nelle loro personalità, hanno permesso agli artisti di esprimersi in maniera differente, cercando di valorizzare il loro impegno, la loro dedizione e i conseguenti risultati ottenuti, soffermandosi anche su alcuni speciali aspetti caratterizzanti e sugli attrezzi utilizzati.

Il mondo NFT collegato allo sport è il nuovo trend per appassionati, crypto addicted e fan.

Massimo Cortinovis, CEO SPH: “Abbiamo voluto valorizzare le caratteristiche uniche di tre grandi atleti grazie alla creatività di tre talentuosi artisti digitali, e rendere il tutto disponibile ai fan dello sport e degli NFT grazie a questa rivoluzionaria tecnologia”.

Per ulteriori informazioni:
info@sportsproductionhub.com
Sports Production Hub - Via Plinio, 38 - Milano

Sport

Mondiali in Qatar senza l’Italia: un libro ci spiega come il calcio italiano ha dissipato un patrimonio di talento sportivo

Il 21 novembre 2022 inizieranno i mondiali di calcio del Qatar: sarà la seconda edizione consecutiva senza la presenza della nazionale italiana. Cosa ha portato quella che era una delle rappresentative più competitive del mondo a non avere più accesso al massimo torneo per ben due volte di fila?

Al di là dei luoghi comuni, le risposte vanno ricercate nei vivai, nella preparazione delle giovani leve del calcio e nelle metodologie applicate per selezionare chi potrà aspirare a una carriera professionistica. Perché l’Italia vive una crisi da mancanza di talento.
In un paese dove tutti, si sa, sono allenatori, Daniele Lalli (uno dei massimi esperti in Italia nel campo dell’innovazione dei settori giovanili professionistici) ha esaminato come lavorano davvero le società sportive e quali strategie ha adottato fino a oggi la Federazione Italiana Giuoco Calcio per la formazione delle giovani leve del movimento del pallone. Attraverso decine di interviste, raccolte in Italia e all’estero, l’elaborazione di dati inediti e la consultazione di centinaia di documenti, questo libro rimette in discussione le basi su cui è stato progettato il calcio italiano degli ultimi anni, proponendo soluzioni e tracciando nuove rotte.
Una lettura non solo per gli addetti ai lavori, ma anche per appassionati, atleti e genitori che hanno a cuore il futuro sportivo dei più giovani.

Contatti:
Autore: 3382616198, info@danielelalli.it
Editore: 3483134990, info@editpress.it
Sport

È stata rivelata la nazionale di calcio più seguita su Instagram in base a una ricerca dell’agenzia Seeders

È stata rivelata la nazionale di calcio più seguita su Instagram in base a una ricerca dell'agenzia Seeders I social network sono diventati una macchina da soldi, forti delle sponsorizzazioni che si possono realizzare. I calciatori e le squadre nazionali lo sanno bene e non esitano a sfruttarli al meglio. Le sponsorizzazioni e le collaborazioni con i marchi sono diventate parte del loro lavoro quotidiano. Tuttavia, non tutti i calciatori e le nazionali sono ugualmente popolari, né sono di uguale interesse per i marchi e i tifosi.

La Coppa del Mondo Qatar 2022 sta per iniziare, e l'agenzia di marketing digitale Seeders ha colto l'occasione per realizzare uno studio sulla popolarità dei giocatori e delle nazionali su Instagram e su Internet. Come si presenta il podio della popolarità alle porte della Coppa del Mondo?

Argentina e Brasile uniche ‘infiltrate’ nella top 5
Si dice che il gioco del calcio come lo conosciamo oggi sia nato addirittura nel 1863 in un sobborgo di Londra, precisamente Mortlake. Anche per questo motivo la selezione dei Tre Leoni non poteva essere assente nelle classifiche delle nazionali più popolari su Instagram.  Sorprendentemente, però, i britannici non si trovano al primo posto essendo superati anche dal modesto Portogallo (almeno per quanto riguarda popolazione e tradizione calcistica). Spicca inoltre la presenza delle uniche due nazionali non europee nella top 5, Argentina e Brasile, così come la minore popolarità delle squadre asiatiche e africane. L’intreccio della classifica di follower su Instagram con quella relativa alla popolarità su Google produce dati molto interessanti. Ad esempio, la Francia perde il trono, scendendo addirittura al quinto posto.

Passando invece ai giocatori, nelle prime posizioni la classifica non presenta sorprese con mostri sacri del calcio moderno come Crisitano Ronaldo, Messi e Neymar a fare da padroni. Uscendo dalle prime 10 posizioni, invece, le due classifiche presentano parecchie discrepanze che confermano come la popolarità sulle due piattaforme non vada di pari passo. Interessante il dato che riguarda il campione del Real Madrid Toni Kroos, capace di sommare ben 35 milioni di follower, ma che vanta ‘solo’ 2 punti nella classifica di popolarità su Google: il tedesco si piazza dietro a colleghi con molti meno follower. Discorso simile per quanto riguarda i meno seguiti su Instagram al mondiale; qui l’unico che si mantiene sul fondo delle due classifiche è l’australiano Miloš Degenek, mentre l’estremo difensore del Camerun e André Onana scala diverse posizioni con ben 20 punti nella classifica di popolarità su Google. Merito del suo recente passaggio all’Inter?

Due certezze: provenienza e prestigio calcistico
Dallo studio sulla popolarità di nazionali e giocatori partecipanti alla prossima Coppa del Mondo elaborato dall’agenzia di marketing, si possono estrarre dati e riscontri molto singolari, per esempio come la polarità cambia in base alla provenienza geografica di una nazionale, oppure come il passaggio di un giocatore ad un determinato campionato può far schizzare follower e ricerche su Google. Possiamo quindi affermare che il prestigio calcistico e la provenienza geografica siano due fattori fondamentali per l’andamento di queste classifiche. Siamo sicuri che i vari brand saranno molto attenti a questo tipo di informazioni, e saranno sul piede di guerra per accaparrarsi i migliori ambassador possibili tra calciatori e squadre nazionali. Come cambieranno queste speciali classifiche dopo le prestazioni in campo ed extra calcistiche della prossima Coppa del Mondo?

Seeders è un’agenzia di Authority Marketing, leader a livello mondiale, specializzata in SEO, Link Building e Digital PR. Con una presenza sempre crescente di sedi in tutto il mondo, siamo in grado di creare un impatto efficace sia a livello locale che globale, praticamente in ogni mercato internazionale.

Seeders Southern Europe
+34 934 51 69 97
hola@seeders.agency
Sport

Stipendi a sei cifre per i CT delle panchine di serie A, ma chi guadagna di più al momento non vince

Stipendi allenatori Serie A 2022/23: la nuova top 10 dei più pagati Domainer, società attiva nel settore delle scommesse sportive, ha effettuato un'analisi della situazione relativa agli stipendi degli allenatori di Serie A, scoprendo che non sempre i più pagati sono i vincenti. La classifica stipendi allenatori di Serie A per il campionato 2022/2023 vede nelle prime 10 posizioni stipendi a sei zeri. Anche se molte squadre lamentano una crisi economica, molti allenatori hanno ingaggi davvero alti, molti dei quali hanno subito un incremento rispetto alla passata stagione. In cima alla lista con lo stesso stipendio, pari a 7 milioni di euro ci sono Massimiliano Allegri, alla guida della Juventus e José Mourinho, sulla panchina della Roma. La top 10 aggiornata include i dieci CT più pagati del campionato italiano e non trova riscontro nella classifica attuale della Serie A. Non sempre dunque gli allenatori più pagati sono quelli che danno i risultati migliori in panchina. Massimiliano Allegri è forte di un contratto quadriennale, rinnovato nel 2021, in scadenza nel 2025, che gli frutta 7 milioni a stagione più bonus. Uno stipendio d’oro che non è legato ai risultati. Infatti mentre l’allenatore è in prima posizione nella classifica degli ingaggi, la Juventus come squadra, al momento è più vicina alla metà della classifica che alla testa. Che la società sia tenuta a pagare lo stipendio milionario per altro due anni, anche a fronte di risultati non esaltanti potrebbe essere però in discussione. In base ad alcune fonti, nel contratto è prevista una clausola rescissoria che permetterebbe alla società di interrompere il rapporto dopo due anni dalla firma. Per José Mourinho la scadenza del contratto arriverà nel 2024: con i suoi 7 milioni a stagione è l’allenatore straniero che guadagna di più nel nostro campionato. Al momento la classifica della serie A non premia l’allenatore, che ha appena festeggiato in Portogallo i 22 anni di carriera in panchina. La classifica dei più pagati, prosegue con Simone Inzaghi. Il quarantaseienne è l’allenatore più giovane nella top ten, e percepirà dall’Inter 5 milioni, bonus compresi. Il contratto, rinnovato quest’anno, con scadenza nel 2024, ha visto un aumento di 1 milione rispetto alla scorsa stagione, grazie alle soddisfazioni ottenute con Coppa Italia e Supercoppa, a cui si aggiunge il traguardo per Inzaghi, come allenatore, di aver ottenuto la media punti più alta della storia dell’Inter. Segue Stefano Pioli, sulla panchina del Milan, con 4 milioni: in pratica stipendio raddoppiato rispetto allo scorso anno, grazie a un contratto firmato a fine 2021. 3 milioni e mezzo invece per Maurizio Sarri, il CT esploso sulla panchina del Napoli, passato poi alla Juventus con cui ha guadagnato il suo primo scudetto,  ha rinnovato fino al 2025 con il presidente Lotito. La classifica degli stipendi allenatori vede fuori dalla Top 5, in sesta posizione Gian Piero Gasperini che percepisce 3 milioni di euro dall’Atalanta. Anche se la scorsa stagione non è stata esaltante, il suo ingaggio è aumentato di 1 milione e trecentomila euro rispetto allo scorso anno, e la posizione in classifica, dà ragione alla proprietà. Meno lauto lo stipendio di Luciano Spalletti, che alla guida del Napoli in testa alla classifica attuale, sta gestendo con successo il rinnovamento della panchina partenopea. Il contratto biennale con scadenza il prossimo anno prevede per lui un ingaggio di 2 milioni e ottocentomila euro. In ottava posizione figurava Sinisa Mihajlović, ora esonerato dalla panchina del Bologna, con uno stipendio di 2,5 milioni. Completano la classifica dei paperoni delle panchine di calcio Ivan Jaric, attualmente alla guida del Torino con due milioni l’anno e Gabriele Cioffi, tecnico del Verona con la stessa cifra. Per entrambi il contratto scadrà nel 2024. Cioffi ha fatto il grande salto nella classifica stipendi allenatori a sei zeri, passando dai 500 mila euro presi nel 2021 sulla panchina dell’Udinese, agli attuali 2 milioni.
Food Natura e ambiente Sport Startup e innovazione

IL SASSUOLO CALCIO SCEGLIE AQUALY

Economia Circolare

La partnership fra Sassuolo calcio e Aqualy prevede l’effettivo riciclo degli imballaggi dopo il consumo, un progetto unico in serie A. I cartoni per bevande usati saranno, infatti, raccolti in appositi contenitori ubicati all’interno e all’esterno dello stadio durante gli eventi sportivi e tramite COMIECO, il consorzio per la raccolta e il riciclo degli imballaggi in carta e cartone, saranno selezionati e inviati agli impianti della multinazionale cartaria del Gruppo LUCART dove le fibre di carta contenute nei cartoni per bevande saranno riciclate per diventare nuova carta, asciugamani e fazzoletti ecologici che potranno poi essere utilizzati anche negli impianti sportivi del Sassuolo Calcio, chiudendo così il ciclo del riciclo e riducendo ulteriormente gli impatti sull’ambiente.  

"Lo sport e il Calcio in particolare hanno una grande influenza nella societa' ma anche una grande responsabilità - dichiara Giovanni Carnevali AD Sassuolo Calcio - Per questo il Sassuolo Calcio ha gia' iniziato ad impegnarsi da tempo con progetti di carattere sociale come Generazione S e grazie alla consulenza del nostro “ Eco Partner” Ambiente e Salute società Benefits, partner di Legambiente impegnata nella diffusione di una cultura sostenibile nel mondo dello sport abbiamo dato vita insieme ad Aqualy a questo bellissimo progetto di economia circolare pensato nei minimi dettagli che ci permetterà anche di eliminare 300.000 bottiglie di plastica. Anche gli stessi giocatori diventeranno testimonials per la diffusione di buone pratiche comunicate nell'involucro di cartone personalizzato con la maglia neroverde del Sassuolo."  

“Sin dagli albori il nostro progetto ha trovato sempre un forte connubio con lo sport, crediamo sia la miglior rappresentazione di uno stile di vita sano e attento all’ambiente e quindi poter approdare nella massima serie di calcio attraverso una partnership con una società tra le più attente in termini di sostenibilità è per noi fonte di grande orgoglio - commenta Christian Creati CEO di Ly Company Itali - sostenibilità, riciclo, rispetto per l'ambiente e innovazione sono tra i valori che rendono le aziende uniche, siamo di fronte ad una nuova era e a nuove sfide, poter supportare una società come SASSUOLO CALCIO è una grande passo in avanti in questa direzione".   

Qualità e sicurezza protetta

Aqualy è un acqua leggera, ottima e povera di sodio. Il brick è la confezione che protegge al meglio la bontà dell'acqua. Ogni strato del packaging svolge infatti un ruolo specifico per una protezione ottimale della qualità proteggendo l’acqua dai raggi solari, dai batteri e dalle microplastiche. La totale assenza di contaminazioni, garantita da un innovativo processo tecnologico, e la customizzazione del packaging fanno di Aqualy un partner perfetto sia in termini di qualità che di comunicazione.

Sport Startup e innovazione

È nato BikeScan365: il marketplace in cui negozianti e appassionati di ciclismo comprano e vendono bici usate

Acquistare e vendere bici non è mai stato così semplice
BikeScan365.com è un portale semplicissimo. Privati e rivenditori possono iscriversi gratuitamente con il proprio indirizzo email scegliendo un nome utente e una password (potete registrarvi qui: https://www.bikescan365.com/register/). I negozi hanno poi la possibilità di sottoscrivere un abbonamento per pubblicare un numero più elevato di annunci ed avere un supporto commerciale dedicato (qui trovate le varie opzioni di abbonamento: https://www.bikescan365.com/abbonamenti/).
Nel sito si trovano tutti i tipi di bici di fascia media e alta, tra i quali mountain bike, bici da corsa, gravel ed e-bike. È possibile cercare una specifica bici in vendita grazie al motore di ricerca intelligente indicando tipologia, marca o anno di produzione.
Iscrivendosi, ci si può mettere in contatto direttamente con il venditore per accordarsi su tutti i dettagli della vendita (prezzo, modalità di consegne e di pagamento). Lo scambio avviene quindi in maniera diretta e non attraverso il portale, e non ci sono pertanto commissioni sulla vendita.

Quando passione e competenza danno vita all’innovazione
L’idea della startup veneta è nata da cinque professionisti del commerciale, del digitale e della finanza che hanno deciso di unire la loro passione per il ciclismo alle loro competenze professionali per creare un un marketplace davvero utile e innovativo per il mondo della bicicletta.
Il co-founder e CEO Stefano Marchi racconta come tutto ha avuto origine: “Come appassionati, ci siamo resi conto di quanto complicato fosse scambiare in modo organizzato ed efficace cicli nuovi ed usati in Italia. Come professionisti e imprenditori, abbiamo cercato di individuare i bisogni impliciti di chi è interessato ad acquistare o vendere bici di seconda mano, e di rispondere a tali bisogni realizzando un portale di compravendita ben strutturato e semplice da utilizzare, chiamato BikeScan365”.
La start-up è giovanissima. Appena quattro i suoi mesi di vita, dopo un periodo – quello pandemico – che ha visto un’impennata nel numero di biciclette tradizionali ed elettriche vendute. Forte di questa spinta, oggi riesce a posizionarsi sul proprio mercato di riferimento, quello del ciclo di seconda mano, distinguendosi come marketplace specializzato in bici di fascia media e alta.

Il ciclismo: un mercato in piena espansione
L’andamento storico del mercato italiano vede una stabilità dei dati di vendita, costantemente sopra 1,5 milioni di pezzi venduti/anno. Il mercato ha visto una forte crescita durante la fase di pandemia, arrivando a toccare i 2 milioni di pezzi venduti in Italia nel 2020. Anche la quota di vendite di e-bike è in costante ascesa negli anni. 
Nonostante numeri da settore maturo, i protagonisti del mercato come sportivi amatoriali, appassionati e semplici utilizzatori non hanno una reale connessione. O meglio: negli anni si è riscontrato un diffondersi di gruppi, pagine, mercatini del ciclo online e sui social, ma di fatto tutte queste realtà mancano di omogeneità e completezza. È vero, ci sono anche i marketplace generalisti, ma spesso la ricerca risulta molto dispersiva e trovare quel che si cerca diventa un’impresa.
Ed è qui che entra in gioco BikeScan365, che ha un obiettivo ben preciso: quello di diventare il più importante punto di riferimento in Italia per la compravendita di bici usate di gamma medio-alta. Grazie anche alla partnership commerciale con BONIN, azienda leader da oltre quarant’anni nella distribuzione di cicli e accessori, la cui imponente forza vendita (che copre l’intero territorio italiano), attraverso le visite ai negozi specializzati, sta facendo rapidamente crescere il numero di inserzionisti premium.

Così BikeScan365 promuove la sostenibilità e l’economia circolare
"BikeScan365 si fa promotore - spiega il co-founder e CEO Stefano Marchi - di due valori al giorno d’oggi fondamentali: la sostenibilità ambientale e l’economia circolare. La bicicletta infatti è il mezzo di trasporto un po’ particolare, perché il passeggero è anche il motore stesso. Niente carburante, niente consumi. Per questo motivo è il mezzo ecologico per eccellenza. Oltre ad essere più economico - aggiunge - acquistando e vendendo usato si promuove il riutilizzo, che è la miglior soluzione per ridurre l’impatto sull’ambiente e gli sprechi di risorse. Quello che altrimenti sarebbe un rifiuto, attraverso BikeScan365 sarà una risorsa da riutilizzare o, se a fine vita, materiale da riciclare come componentistica".

Il valore aggiunto dell’online per i negozi di bici
Spesso i negozi di bici non hanno una vera e propria “vetrina virtuale” o un'e-commerce in cui esporre i propri articoli (bici usate, a km0 o nuove), pertanto le opportunità di vendita non sono sfruttate al massimo. L’utilizzo del portale abilita quindi i rivenditori ad aumentare le opportunità del proprio business, permettendogli di raggiungere i potenziali acquirenti su tutto il territorio italiano e non limitandosi più quindi ai clienti che entrano fisicamente in negozio. Questo si traduce in vendite più veloci e più frequenti, e di conseguenza anche maggiori guadagni per i rivenditori.


BikeScan365 ti ha incuriosito? Visita il sito e guarda il video per saperne di più!
Economia e finanza Sport Startup e innovazione

Non più solo fortuna: il fantacalcio diventa un modello di analisi. Nasce Fantalgoritmo, quando il mondo del fantasy football incontra la matematica

Negli ultimi anni, il Fantacalcio è diventato un vero e proprio fenomeno in costante crescita, tanto da diventare l’incubo degli stessi giocatori di Serie A, che vengono quotidianamente tartassati e motivati a migliorare le proprie prestazioni per aumentare il rendimento dei fanta team. E proprio da questa crescente “fame” di Fanta-gloria che Giovanni e Mariano hanno avuto la loro idea: “Sempre più spesso, specialmente a settembre, ci capitava di parlare coi nostri amici di fantacalcio e di asta di inizio anno. Quanto spendo per X, quanto budget tengo per gli attaccanti, e così via. Da lì, abbiamo avuto l’idea: ma non esiste un modo scientifico per organizzare il budget?”, dichiara Mariano.  

E allora partendo da fogli excel che gestiscono i fantacrediti, i due ragazzi hanno sviluppato un vero e proprio algoritmo scientifico e validato: in base a numero di partecipanti, fantamilioni, numero di giocatori nella rosa e ruolo dei giocatori, l’algoritmo elabora la corretta cifra per ogni giocatore. Ma non solo: durante il campionato, basandosi sulle statistiche delle giornate precedenti, l’algoritmo consiglia anche quali giocatori schierare per ottimizzare il punteggio.  

Dopo una prima stagione per testare il prodotto - continua Giovanni - abbiamo raccolto feedback soddisfacenti dai nostri clienti: il 76% di coloro che hanno scelto Fantalgoritmo hanno raggiunto una delle prime 3 posizioni nella loro fantalega. Ovviamente, i primi tester dell’idea siamo stati io e Mariano che, dopo anni di sconfitte, siamo riusciti a rialzarci”.  

Quando la matematica scende in campo a supporto del fantacalcio: arriva il Fantalgoritmo, un sistema 100% italiano per la salvezza dei fantallenatori.



Fantalgoritmo
Fantalgoritmo è la prima startup in Italia a offrire un algoritmo per migliorare le performance del proprio Fantacalcio. 
Nata nell'aprile del 2021, ha validato il suo modello dopo pochi mesi ed è stata valutata 1 milione di € ricevendo un round di investimenti di 100.000 € dopo 8 mesi dalla sua nascita. Ad oggi il team è composto da 6 risorse con un età media di 30 anni.
Sport

Sabbioneta (Mantova) ha ospitato i Football Strategy Days di Conifa – Confederazione delle Associazioni Calcistiche Indipendenti 2022

Prima della Conferenza stampa si sono svolti i sorteggi del mondiale femminile di calcio 2022, che si svolgerà in Tibet, dove la squadra del Tibet NSA si scontrerà nella prima partita con la squadra del Matabeleland FC e lo Szekelyfold LE incontrerà la FA Sapmi. Sono stati sorteggiati anche i partecipanti ai gironi della coppa d’Africa di calcio maschile in cui la squadra del Pro Arena incontrerà quella di Yoruba Nation e il Matabeleland incontrerà il Biafra FF. A seguire sono stati presentati in anteprima mondiale i due nuovi trofei, quello Mondiale e quello Europeo che verrà consegnato per la prima volta durante gli Europei 2022 a Giugno a Nizza. 

La Confederazione delle Associazioni Calcistiche Indipendenti (CONIFA), insieme al Comune di Sabbioneta, sono onorate di annunciare una serie storica di eventi volti allo sviluppo dell'organizzazione mondiale e dei suoi membri.   Gli FSD Conifa   Conosciuti come Football Strategy Days, i membri e i partner sono invitati a unirsi al sito Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO per - nelle parole del presidente globale della CONIFA, Per-Anders Blind - "definire un percorso verso il futuro per ogni continente".  

Dal 22 al 24 aprile 2022, i delegati di ciascuna delle squadre mondiali associate a CONIFA parteciperanno a giornate di meeting che verteranno sugli argomenti dei vari continenti, sul business, sugli arbitri, sul calcio femminile, sul calcio no limits, sul nuovo trofeo club europeo, oltre ad avere l'opportunità di immergersi nella cultura di Sabbioneta, rinomata in tutto il mondo, situata in Lombardia, nel nord Italia.  

Il business meeting sarà presieduto da Fabio Puntillo, General Manager Conifa, quello arbitri da Roger Lundback, Direttore arbitri mondiale Conifa, il meeting sul calcio femminile da d’Alary Dalton, Direttore del calcio femminile mondiale Conifa, quello sul calcio no limits da Francesco Zema, Direttore calcio disabili mondiale Conifa, e il meeting sul nuovo trofeo per club europeo da Givi Todua, Direttore ECT Conifa.   

Sabbioneta  
Sabbioneta è un'affascinante rappresentazione pratica di un'ambizione filosofica: la città fu edificata per volere del duca Vespasiano Gonzaga con l'obiettivo di concretizzare la concezione rinascimentale della 'Città Ideale' in cui arte, architettura e urbanistica rappresentano la massima espressione di classicismo.   Le teorie cinquecentesche che ne hanno guidato la progettazione fanno di Sabbioneta un'area di incredibile valore architettonico e artistico: nelle sue strade, nei suoi scorci e nei suoi palazzi si possono riconoscere le teorie prospettiche e le teorie delle proporzioni che le conferiscono armonia ed eleganza.  

I Trofei  
I Trofei Conifa Mondiale ed Europeo hanno lasciato Stoccolma con un volo speciale per Milano e continueranno fino a Sabbioneta con lo staff presidenziale al seguito.  Venerdì saranno presi in carico dal Sindaco di Sabbioneta e domenica finalmente ci sarà la presentazione ufficiale.  Il Trofeo Europeo è stato realizzato su progetto di Stefano Voi che è stato il vincitore del Contest sui social Conifa organizzato pochi mesi fa.  Il Trofeo Europeo di Conifa sarà svelato per la prima volta domenica durante la cerimonia ufficiale di presentazione nel Teatro Olimpico di Sabbioneta che si svolgerà al termine della FSD a Sabbioneta. L'attesa è stata lunga, ma presto potrà finalmente è stata  soddisfatta.   

Le parole dei protagonisti  
Il presidente globale della CONIFA, Per-Anders Blind:   È una sensazione straordinaria che ora, si spera, possiamo vedere la fine della situazione pandemica e darti l'opportunità di incontrare vecchi e nuovi amici da tutto il mondo.  Questi giorni a Sabbioneta sono importanti per te come socio CONIFA. Qui avrai l'opportunità di definire la rotta verso il futuro per ogni continente e per lo sviluppo globale. Le giornate saranno piene di gioia, felicità e dialogo costruttivo. Voglio esprimere la mia sincera gratitudine al Comitato Europeo CONIFA e al Comune di Sabbioneta per il loro contributo alla realizzazione di questi giorni unici”.  

Alberto Rischio, Presidente Europeo di CONIFA, ha rimarcato: “Poter organizzare a Sabbioneta la prima edizione dei Football Strategy Days è qualcosa di storico nel calcio CONIFA. Tre giorni di incontri dedicati ai professionisti del calcio organizzato. Per tre giorni Sabbioneta sarà la capitale mondiale delle 700.000.000 di persone rappresentate sulla mappa calcistica CONIFA. Ringrazio il Comune di Sabbioneta per aver creduto in questo evento e per averci dato la possibilità di ospitarlo”. 

Il sindaco di Sabbioneta, Marco Pasquali, ha dichiarato: “Sabbioneta è lieta di ospitare il mondo CONIFA per questo importante evento, utilizzando lo sport e la cultura come mezzo di promozione territoriale, rilancio economico e ripresa turistica dopo oltre due anni di difficoltà. La nostra città, patrimonio dell'umanità, è orgogliosa di diventare il centro del mondo per un'organizzazione come CONIFA, che fa dello sport e della cultura i suoi importanti tratti distintivi. Sabbioneta potrà accogliere nel migliore dei modi delegati da tutto il mondo, mostrando la bellezza di un territorio fatto di storia, natura, tradizione sportiva e altro ancora. Dal 2008 Sabbioneta è stata inserita tra i siti UNESCO, quindi luogo dichiarato 'di eccezionale valore universale".

L'assessore allo Sport di Sabbioneta, Franco Alessandria, ha aggiunto: “Sabbioneta è anche una città di grande tradizione sportiva. Dalle storiche società calcistiche che valorizzano tutto il nostro territorio, a quelle di recente fondazione, passando per la tradizione ciclistica del nostro comune e della storica associazione di pallavolo, alle società di atletica leggera e di rugby dell'Oglio Po. Sabbioneta è il cuore di un territorio a forte vocazione sportiva che oggi, grazie a CONIFA, scopre anche la sua ambizione di essere riconosciuto a livello globale. Lo sport può fare molto per lo sviluppo di un territorio e con FSD potremo dimostrarlo”.
Moda e lifestyle Motori Sport

SERIAL 1, POWERED BY HARLEY-DAVIDSON, ANNUNCIA LA PARTNERSHIP CON LA STAR DELLA BICI E SUPEREROE DELLA TV VITTORIO BRUMOTTI

MILWAUKEE  – Serial 1 è felice di annunciare la collaborazione con Vittorio Brumotti, nuovo global ambassador del marchio americano di e-bike. La partnership è finalizzata a promuovere l’innovativa linea di biciclette elettriche di Serial 1. Da anni Brumotti ci stupisce con le sue acrobazie in bici: i suoi video di impennate nel Grand Canyon, evoluzioni in cima agli edifici più alti del mondo e giochi di equilibrio su passerelle sospese nel vuoto hanno generato milioni di visualizzazioni in tutto il mondo. I suoi servizi "100% Brumotti" con i quali si impegna a denunciare attività criminali in tutta Italia sono ormai un cult del programma televisivo Striscia la Notizia. Con il suo inconfondibile stile “abbombozza”, sia in sella sia nella vita di tutti i giorni, Brumotti è il global ambassador perfetto per diventare portavoce della missione di Serial 1: unire divertimento, senso di libertà e spirito di avventura al piacere di guidare una bicicletta.  

Nato nel 1980 a Finale Ligure, campione del mondo di bike trial nel 2006 e detentore di 10 Guinness World Record, Brumotti adora qualsiasi mezzo che abbia due ruote. Motociclista di lunga data e fan sfegatato del marchio Harley-Davidson, Brumotti è particolarmente entusiasta di poter fondere le sue due grandi passioni attraverso questa nuova partnership con Serial 1. "Con le e-bike di Serial 1 è stato amore a prima vista”, ha detto Brumotti. “Stile elegante, motore potente e attenzione nei dettagli: tutto quello che adoro delle moto Harley-Davidson. Dovevo assolutamente avere una Serial 1”.  

Brumotti è un personaggio noto in Italia e all'estero, sia per il suo talento in sella alla bici sia per la sua presenza in tv. Nei servizi "100% Brumotti" mette in evidenza la bellezza delle città italiane e ne denuncia i problemi, filmando dalla sua bici e combinando le sue abilità da rider con il suo coraggio di reporter impegnato contro il crimine. Grazie ai suoi sforzi Brumotti ha ricevuto nel 2013 la nomina di ambasciatore della fondazione "Pace e Sport" da parte del Principe Alberto II di Monaco.

A questo link trovi il video di presentazione della collaborazione tra Serial 1 e Brumotti.



Informazioni su Serial 1

Serial 1 offre e-bike di alta qualità, che si distinguono per il loro design intelligente e funzionale e per l’avanzata tecnologia. Le e-bike di Serial 1 uniscono divertimento, senso di libertà e spirito di avventura al piacere di guidare una bicicletta elettrica a pedalata assistita. Scopri di più: https://serial1.com/
Motori Sport Startup e innovazione

Nasce ANGELUSS, società di management che mira a portare più donne nei campionati mondiali di motociclismo

È ufficialmente nata la collaborazione tra la società “ANGELUSS” di Aurora Angelucci ed il Team MTA.

“Nonostante negli ultimi anni -  dichiara Aurora Angelucci - l'affluenza di donne che lavorano nei paddock sia aumentata esponenzialmente ricoprendo ruoli sempre più importanti, l'ambiente del motociclismo è ancora prettamente maschile. Sono infatti solo 15 le donne che hanno preso parte al campionato in 73 anni di storia e mai nella classe regina, nella quale è stata corsa un'unica gara nell'82 ma mai un'intera stagione”.

È proprio per questo che nasce il progetto e la società ANGELUSS, con la convinzione che con il giusto supporto ed un percorso dedicato, le donne che si affacciano a questo mondo possano raggiungere traguardi mai avuti nella storia. Sconfiggendo cosi gli stereotipi che legano il mondo delle due ruote a una figura maschile e dimostrando che una donna può avere performance uguali a quelle di un uomo, se non migliori.

L'obbiettivo è infatti proprio quello di avere a distanza di pochi anni un team completamente al Femminile in una delle categorie del moto mondiale e di portare un giovane talento nella classe regina.

Per raggiungere questi traguardi ANGELUSS si occuperà di supportare e seguire le ragazze a 360 gradi, sia dal punto di vista economico, che tecnico e sportivo, per fare in modo che la preparazione ricevuta sia la stessa dei piloti che corrono nelle categorie principali, creando un ambiente adatto alle loro necessità e organizzando progetti che possano valorizzarle e accrescere il loro talento in tutti i comparti del settore.

“Ed è proprio per questo – conclude Aurora Angelucci- che nasce la collaborazione con MTA, per poter iniziare subito una serie di attività e creare le basi per avere già dal prossimo anno una partecipazione femminile nel mondiale ma anche perché grazie alla loro esperienza saranno di grande supporto per il percorso che stiamo impostando”.

  -------
Aurora Angelucci, intraprendente e ambiziosa ragazza di soli 20 anni che nonostante la giovane età, spinta dalla sua passione per le due ruote, ha deciso di fondare Angeluss, una società di management sportivo nata con la missione di aiutare le donne a raggiungere i massimi traguardi mondiali nel motorsport, supportando il loro percorso di crescita a partire dalle categorie minori fino ad arrivare ai massimi campionati mondiali. Aurora Angelucci, infatti grazie al suo progetto Angeluss, partendo proprio dal motorsport mira ad eliminare la disparità di cui sono ancora vittime le donne in tutti gli ambiti.